IBAN IT07F0306909606100000132204

Nessuno si salva da solo

Progetto per sostenere le famiglie più vulnerabili durante l’emergenza Covid-19
Capofila: Fondazione di Comunità San Gennaro ONLUS

Premessa:

L’emergenza legata al Covid-19 se da un lato sta modificando il modo di lavorare e lo stile di vita della popolazione mondiale, dall’altro sta alimentando un disagio sociale ed economico senza precedenti.

Non servirà aspettare con ottimismo il tempo del superamento dell’emergenza, è ormai già evidente uno degli effetti del Covid-19: l’inasprimento delle condizioni di vita delle fasce più vulnerabili della popolazione.

L’isolamento forzato nelle case comporta, per molte famiglie, un vero e proprio dramma ed anche una inquietante possibilità di scivolare nelle maglie della delinquenza come segnalato dal procuratore nazionale antimafia Cafiero de Raho.

In molti quartieri stanno nascendo nuovi poveri soprattutto tra quelli che finora riuscivano a vivere in maniera dignitosa e che oggi vedono venir meno fragili sicurezze.

Sono i lavoratori a giornata, gli ambulanti, i piccoli commercianti, i lavoratori a nero (secondo le ultime stime rappresentano circa 1,5 milioni di italiani), ma anche tutti quelli che, pur di lavorare, hanno dovuto accettare dei “compromessi contrattuali” che non garantiscono loro alcun diritto, occasionali, stagionali, precari.

Non è possibile, oggi, non tener conto di queste condizioni di vita. Ampie fette di popolazione non sono raggiunte dalle misure finanziare di contrasto al Covid-19. Il rischio ancora più grande è che già si stanno evidenziamo episodi di sciacallaggio e di piccoli reati legati all’approvvigionamento del cibo o della liquidità economica.

Siamo di fronte ad una vera e propria “bomba sociale” che non tarderà a far sentire il proprio eco. La privazione economica e la mancanza di potere d’acquisto per molte famiglie vogliono dire non riuscire a garantirsi il minimo per la propria sussistenza, per quella dei propri figli o dei propri anziani.

Concreto è il rischio che lo Stato venga sostituito dalla criminalità organizzata, alimentando così il ricorso all’usura, per far fronte alle proprie necessità.

Obiettivo:

Supportare le famiglie vulnerabili che, nell’ambito dell’emergenza Covid-19, non riescono a far fronte alla propria sussistenza.

Contesto territoriale:

Il territorio nel quale il progetto intende insistere è la Terza municipalità di Napoli. In città il numero di famiglie è di 374.991, la III Municipalità rappresenta il 10,7% del totale.
La Fondazione di Comunità San Gennaro ONLUS, negli ultimi 5 anni ha cercato di generare nuove sinergie sul territorio per lo sviluppo economico e sociale del Rione Sanità e della Terza Municipalità di Napoli.

Alla presenza di un tale tsunami abbiamo sentito il bisogno di allargare la platea dei nostri interventi ai territori vicini, partendo dalle parrocchie di Maria SS. del Carmine alle Fontanelle, Santa Maria della Sanità, San Severo, San Vincenzo ed Immacolata, Santa Maria Maddalena ai Cristallini, ed estendendo a Mater Dei, Santa Maria dei Miracoli, S.Maria del Soccorso, S. Maria della Misericordia a Porta Grande, SS. Annunziata a Fonseca

Azioni:

Se fino ad ora alcune fasce della popolazione sono riuscite a vivere dignitosamente, pur senza un lavoro fisso, oggi si rischia di far nascere nuovi poveri, nuovi disperati, nuove solitudini. Tante sono le famiglie invisibili, che sfuggono ad ogni parametro ufficiale di individuazione e di valutazione.

L’unica possibilità, in questo momento di grande crisi è rappresentata dai legami

Legami che ci consentono di conoscere personalmente le famiglie, entrare nelle loro difficoltà e aiutarli nella loro quotidianità. È La Comunità che attiva le risorse endogene , supporta le fragilità e rinforza i legami.

Grazie alla Rete dei Commercianti, soci della Fondazione San Gennaro, è stato sottoscritto un accordo per garantire ai cittadini più vulnerabili l’approvvigionamento di alimenti. Alcuni giovani e adulti che lavorano con il Terzo Settore nel Rione Sanità si sono resi disponibili, in qualità di volontari, per il servizio di consegna a domicilio al fine di evitare gli assembramenti per strada, tenendo conto dell’alta densità abitativa del Rione.

Questo modello verrà esteso anche alle parrocchie vicine utilizzando i volontari delle altre realtà.

La Fondazione insieme ai Centri Ascolto e alle Parrocchie sta individuando le famiglie che presentano conclamate difficoltà economiche per fornire loro cibo e farmaci. Ovviamente si tratta di un elenco in aggiornamento continuo che richiede per ogni nucleo familiare un approfondimento da parte dei referenti sul territorio.

La Fondazione e le Parrocchie hanno individuato i primi esercizi commerciali che hanno aderito all’iniziativa che supporteranno concretamente donando alla Fondazione il 10% di quello che verrà speso presso di loro.

Il meccanismo individuato finora è quello dell’utilizzo della San Gennaro Card per l’acquisto di beni di prima necessità presso i commercianti che hanno aderito all’iniziativa.

Accanto ai primari bisogni alimentari e farmaceutici la Fondazione, in continuo dialogo con i Centri Educativi e le Scuole del Rione Sanità, sta garantendo il supporto a distanza per i minori del territorio. Ogni giorno gli operatori dei nostri centri educativi raggiungono i minori attraverso gli strumenti e le piattaforme tecnologiche per supportarli nello studio e coinvolgerli nelle attività laboratoriali. Inoltre, è stato previsto un supporto telematico per le famiglie al fine di supportarle in questo tempo delicato, nella gestione delle relazioni familiari e genitoriali.

Risultati attesi:

Si prevede una spesa media per nucleo familiare di circa 500,00 € nei primi tre mesi di immediata emergenza. Il risultato minimo prefissato è quello di supportare almeno 200 famiglie per un totale di € 100.000,00, ovviamente la volontà di infrastrutturare l’intervento nelle parrocchie vicine richiederà risorse crescenti che speriamo di poter disporre.

Ma al Rione Sanità abbiamo imparato a sognare in grande, noi desideriamo aiutare le nostre famiglie, i nostri ragazzi a ripartire dopo questo tempo di crisi. Vogliamo perciò ricostruire il futuro, ampliando il sostegno alle famiglie per ulteriori 3 mesi, cioè quando i papà e le mamme delle famiglie dovranno fare i conti con il lavoro che arranca, con la comunicazione di un fallimento, con l’attività chiusa, perché non riesce a ripartire.

Cosa rappresenterà per la nostra Italia il DOPO Covid-19? Sicuramente un tempo di ricostruzione.

Cosa può rappresentare per il nostro Rione Sanità? Un rischio. Quello della disperazione che si nutre del guadagno facile, della microcriminalità, della fame che fa più rumore di qualsiasi promessa.

Trimestre Aiuto per famiglia N. di Famiglie Totale
Aprile-Giugno 500 Euro 200 100.000,00 Euro
Luglio- Settembre 500 Euro 200 100.000,00 Euro
Totale 200.000,00 Euro

È un momento delicato e terribile per i più deboli, lo spirito della Fondazione di Comunità San Gennaro è quello di essere affianco a chi fa più fatica.

Oggi sappiamo che questo deve essere il nostro ruolo.

Nessuno si salva da solo.

Questo è il nostro IBAN:

Fondazione di comunità San Gennaro onlus
IBAN:IT07F0306909606100000132204 – Banca Intesa San Paolo
Causale: Andrà tutto bene

Il Presidente
Pasquale Calemme 

Il Parroco
Don Antonio Loffredo

DONA

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio