Articolo su “Avvenire” del 14 Novembre 2017